Il restauro di un giardino abbandonato da quarant’anni e riaperto al pubblico nel 2005: una nuova identità con collezioni di piante, restauri filologici e l’invenzione di un giardino storico che si affaccia alla contemporaneità.